La speranza del Napoli riposa su Osimhen: verso la rinascita dopo 5 trasferte a secco

La speranza del Napoli riposa su Osimhen: verso la rinascita dopo 5 trasferte a secco
Osimhen (Instagram)

Il popolo azzurro è in apprensione, dalle ultime cronache di mercato e dal terreno di gioco arrivano notizie infauste: il Napoli non trova la via della rete da troppo tempo quando si allontana dalle mura amiche del Maradona. Sono cinque, sì avete letto bene, cinque le trasferte consecutive dove il tabellino dei marcatori è rimasto desolatamente vuoto per i partenopei. Un dato che grida vendetta e che fa tremare i tifosi che sognano la Champions. Il ricordo del gol segnato da Elmas, ormai ex azzurro, si perde nella nebbia di un novembre che sembra lontano un’era geologica.

Ma il vento potrebbe cambiare direzione, attenzione! Torna in campo il gladiatore, il guerriero, l’attaccante dei record: Victor Osimhen! Dopo aver sfiorato il trionfo nella Coppa d’Africa, l’attaccante nigeriano è pronto a scendere di nuovo in battaglia per trascinare il Napoli fuori da questo baratro di sterilità offensiva. Il ritorno del bomber è più atteso del finale di una serie tv, e i fan del calcio sanno che il ragazzo ha la polvere bagnata solo da troppo poco: è ora di far esplodere l’artiglieria pesante!

Parliamo di numeri, parliamo di aritmetica: è l’equazione da risolvere per il tecnico Mazzarri e i suoi. La zona Champions non è un miraggio, ma la strada è in salita e piena di insidie. Zero gol nelle ultime cinque gare esterne, un punto solitario all’attivo, uno score che fa più paura di un rigore al 90′.

Osimhen è l’uomo della provvidenza per il Napoli?

Il duello con il Milan? Undici tentativi di violare la sacra porta rossonera e solo due che hanno centrato il bersaglio, senza però infrangerlo. Imprecisione e sfortuna si sono messe di traverso, eppure sul campo si vedono sprazzi di gioco, lampi di qualità che da soli non bastano a scacciare l’incubo.

Ora, il calendario si fa guardiano del destino: Genoa, Cagliari e Sassuolo sono le prossime vittime designate, con due sfide che vedranno gli azzurri nuovamente lontani dal loro fortino. Queste gare potrebbero essere il trampolino di lancio, il punto di non ritorno verso una gloria che pare sfuggire come sabbia tra le dita.

E allora, la speranza si veste di numero 9, di sprint, di gol da capogiro. Osimhen è chiamato a essere il salvatore, il condottiero che con i suoi gol possa esorcizzare questa crisi e far sì che il Napoli ritorni a ruggire anche fuori casa. Perché in questo calciomercato del tifo, tra sogni di gloria e incubi di mediocrità, il ritorno di un campione è più di un semplice trasferimento, è una dichiarazione d’intenti. Osimhen, Napoli ti invoca: è il momento di tornare a segnare, è il momento di tornare a sognare!