Gerry Cardinale al centro delle negoziazioni con Pif per l’investimento nel Milan

Gerry Cardinale al centro delle negoziazioni con Pif per l’investimento nel Milan
Cardinale

L’eco del recente acquisto del Newcastle United da parte del Public Investment Fund (PIF) saudita non si è ancora spento che già si profilano nuovi orizzonti per l’istituzione finanziaria nel mondo del calcio europeo. Al centro delle voci più fervide c’è il prestigioso club italiano AC Milan, un brand dal fascino storico che non lascia indifferenti gli investitori di tutto il mondo.

Secondo quanto rivelato da Il Sole 24 Ore, il fondo sovrano saudita avrebbe posato gli occhi sui rossoneri, con l’intenzione di entrare a far parte dell’azionariato della squadra. Il dialogo tra le parti interessate sembra essere già ben avviato, con incontri ritenuti costruttivi tra i rappresentanti del PIF e il proprietario del Milan, Gerry Cardinale. La trattativa è in una fase decisiva e si dice che sia stata fissata una scadenza perimetrale entro la fine di marzo, momento in cui si dovrà decidere se procedere con l’operazione o abbandonare il tavolo delle trattative.

Nella sfera sportiva, l’ingresso del PIF nell’economia del calcio non rappresenta solo un’operazione finanziaria, ma anche una mossa strategica per rafforzare l’immagine e l’influenza di Riad a livello internazionale. Fino a ora, l’Italia non ha ancora visto investimenti sauditi nel proprio campionato nazionale, e l’opportunità legata al Milan potrebbe essere quel tassello che mancava per iniziare un nuovo capitolo.

Cardinale vorrebbe tenere il Milan a lungo

I dettagli dell’operazione suggeriti dalle fonti puntano a un investimento mirato nel veicolo di RedBird Capital Partners che attualmente detiene la squadra milanese. L’obiettivo sarebbe quello di fornire i capitali necessari per estinguere il debito di 550 milioni di euro con Elliott Management, grazie a un vender loan. Un’alternativa potrebbe essere rappresentata da una partnership più estesa con il fondo americano, magari contemplando altre forme di collaborazione o di investimento.

Ciononostante, Gerry Cardinale non ha mai nascosto la sua posizione riguardo la proprietà del club con una storia gloriosa di 19 scudetti: la sua intenzione è quella di mantenere, almeno per il momento, la maggioranza del Milan. La trattativa quindi si profila complessa, con molteplici sfaccettature da considerare sia dal punto di vista finanziario che sportivo.

Il futuro del Milan si trova quindi a un bivio, con la possibilità di accogliere nuovi soci e investitori che potrebbero fornire un impulso significativo alla crescita e allo sviluppo del club. Per i tifosi rossoneri e gli appassionati di calcio, rimane solo da attendere la chiusura delle trattative per scoprire se effettivamente il PIF farà il suo ingresso nel calcio italiano, cambiando forse il destino di una delle squadre più titolate e amate della penisola.