Durant entra nella storia: supera i 28.000 punti e diventa leggenda Nba

Durant entra nella storia: supera i 28.000 punti e diventa leggenda Nba
Durant

Nella notte che ha visto soccombere i Suns di Phoenix sul parquet di Orlando, il faro dei riflettori ha puntato ancora una volta su Kevin Durant, l’ala piccola che ha scritto un’altra pagina della sua gloriosa carriera. Sebbene la sconfitta possa aver lasciato un retrogusto amaro, per Durant è stata una serata da incorniciare: con un bottino di 15 punti, il fenomeno di Washington ha rotto il muro dei 28.000 punti segnati in carriera, un traguardo che lo proietta direttamente nell’Olimpo dei cestisti, in quella Top 10 che racchiude leggende del calibro di LeBron James, Kareem Abdul-Jabbar e Kobe Bryant.

Durante i 37 minuti trascorsi sul parquet, Durant ha sfoderato una prestazione di rilievo, pur non riuscendo a trascinare la propria squadra alla vittoria. Con un 7/12 al tiro dal campo e un 1/3 da dietro l’arco, l’ex MVP della NBA ha dimostrato ancora una volta la propria letalità offensiva, aggiungendo al proprio score individuale anche 4 rimbalzi, 5 assist e una stoppata. Una dimostrazione di forza e versatilità che ha confermato, se mai ce ne fosse bisogno, il suo status di superstar.

Il cammino di Durant, costellato di riconoscimenti e di momenti indimenticabili, arricchisce quindi un palmarès già di per sé stellare. L’entrata nella cerchia selezionata dei giocatori con oltre 28.000 punti segnati è un riconoscimento non solo alla sua abilità di realizzatore, ma anche alla sua longevità e al suo impatto sulla lega.

Kevin Durant è ormai a pieno titolo nell’Olimpo Nba

L’elenco di coloro che hanno raggiunto e superato questa cifra è una sorta di “Hall of Fame” vivente, che comprende alcuni dei nomi più risonanti che abbiano mai calcato i parquet della NBA.

Giocatori dell’eccezionale calibro di Karl Malone, Michael Jordan e Dirk Nowitzki sono solo alcuni dei campioni che Durant ha raggiunto. Oltre a loro, figure leggendarie come Wilt Chamberlain, Shaquille O’Neal e Carmelo Anthony rendono questa lista un autentico esempio di grandezza nel mondo del basket. E ora, Kevin Durant può legittimamente vantare di far parte di questa élite, avendo inciso il proprio nome con inchiostro indelebile nella storia dello sport.

Nonostante il risultato della partita non sia andato a favore dei Suns, per Durant la serata sarà ricordata con un misto di soddisfazione personale e di stimolo a fare ancora meglio. La sconfitta, pur bruciante, diventa così un dettaglio di fronte all’enormità di quanto realizzato da KD, che continua a essere un esempio di eccellenza e di impegno per atleti e appassionati. Il cammino verso nuove vette e record non si ferma qui per Durant, che, superato questo traguardo, avrà già gli occhi puntati sul prossimo obiettivo da raggiungere, conscio che la storia, a volte, si scrive anche in una notte di sconfitta.