Allarme infortuni in casa umana Reyer: Kabengele colpito al ginocchio in allenamento

Allarme infortuni in casa umana Reyer: Kabengele colpito al ginocchio in allenamento
Kabengele

Si respira aria di preoccupazione tra le mura dell’Umana Reyer Venezia, dove gli sguardi apprensivi sono tutti per il ginocchio di Mfiondu Kabengele. Il pivot della squadra lagunare ha subito un colpo involontario dal compagno di squadra Casarin durante un’azione di gioco, ed è stato costretto a lasciare il parquet, tenendosi il ginocchio con evidente dolore. L’incertezza regna sovrana sulla gravità dell’infortunio e i tifosi orogranata incrociano le dita, sperando che le notizie in arrivo siano rassicuranti.

Il gigante canadese, pezzo preponderante nello scacchiere di coach Neven Spahija, non ha fatto ritorno in campo, aggiungendo così un nuovo capitolo alla serie di grattacapi fisici che hanno funestato la compagine veneziana nelle ultime settimane. Nella trasferta contro Casale, l’elenco degli assenti ha pesato come un macigno: Jordan Parks, fermo ai box per un problema al bicipite femorale, e Rayjon Tucker non sono scesi in battaglia, mentre anche il playmaker Marco Spissu ha terminato la partita con un fastidio al ginocchio, che si spera non preannunci ulteriori guai.

Il tecnico croato Spahija, pur senza voler soffermarsi sulle defezioni, ha espresso nelle sue dichiarazioni la volontà di concentrarsi sul lavoro in palestra per superare questo momento difficile.

L’infortunio di Kabengele potrebbe pesare moltissimo

La battuta ironica sul fatto che la squadra abbia disputato interamente soltanto quattro partite, quasi come se fosse un lusso per gli standard recenti, non maschera l’amarezza per una situazione che mette a dura prova la tenuta del gruppo.

Riguardo le condizioni di Kabengele, Spahija si è limitato a sottolineare l’importanza di attendere gli esiti degli esami clinici, con una finestra di valutazione che potrebbe estendersi fino a 48 ore. Solo al ritorno a Venezia si potrà avere una diagnosi chiara e decidere il da farsi.

Nonostante i contrattempi, l’atleta in questione ha comunque lasciato il proprio segno nella partita, prima dell’acciacco. In appena 12 minuti sul parquet, Kabengele ha infatti messo a referto 6 punti, abbinati a 2 stoppate e 6 rimbalzi, contribuendo così alla causa della Reyer prima dell’episodio sfortunato.

L’ambiente veneziano ora si stringe intorno ai propri leoni, nella speranza che la serie di infortuni si interrompa e che la squadra possa tornare a rugire con tutta la sua potenza. La tensione è palpabile, ma la fiducia nel gruppo e nello staff tecnico è ferma, con la consapevolezza che solo l’unione e il duro lavoro possono permettere alla Reyer di affrontare e superare le avversità. Nel frattempo, il popolo orogranata attende novità, pronti a supportare la squadra nel suo cammino pieno di insidie ma anche di coraggio e passione.