Sport ultime notizie

Nole Djokovic vaccino: esenzione per gli Australian Open, è bufera

La notizia dell’esenzione dal vaccino per Djokovic che gli consentirà di partecipare agli Australian Open nel 2022 sta scatenando una vera e propria bufera nei confronti del tennista serbo, da subito dichiaratosi contrario a sottoporsi all’immunizzazione. Djokovic aveva sempre evitato di rispondere direttamente alle domande riguardanti la sua vaccinazione, ma le sue posizioni contrarie al vaccino avevano lasciato intendere che non si fosse ancora sottoposto alla procedura.

L’Australia sceglie il business

Ora arriva l’ufficialità, ma nel modo peggiore, perchè viene accompagnata da un’esenzione da parte di un Paese, l’Australia, molto rigida nei confronti dei non vaccinati e soprattutto molto colpita in questo periodo dal virus. Un’esenzione che arriva nei confronti di un big del tennis mondiale e che evidentemente dietro ha esigenze di tipo economico: sponsor, diritti tv, vendita biglietti, senza Djokovic non sarebbero gli stessi. Di qui un’esenzione che però sta scatenando molte polemiche.

L’annuncio su Instagram

L’annuncio lo ha dato lo stesso Djokovic con un post su Instagram:

“Buon anno a tutti! Vi auguro tutta la salute, l’amore e la felicità in ogni momento presente e che possiate provare amore e rispetto verso tutti gli esseri su questo meraviglioso pianeta.

Ho trascorso del tempo fantastico con i miei cari durante la pausa e oggi sto andando in Australia con un permesso di esenzione. Andiamo 2022!”

Boom di contagi in Australia

In Australia è stato appena registrato il record di contagi in 24 ore: circa 50.000 (47.738), per la maggior parte di variante Omicron, per questo la scelta è apparsa particolarmente inopportuna.