Sport ultime notizie

Hakimi chi? Dumfries ha stupito tutti e si è già preso l’Inter

In pochi credevano che Denzel Dumfries sarebbe riuscito nella difficile impresa di far dimenticare Hakimi. Qualcosa di buono si era intravisto all’Europeo con la sua Olanda, ma l’impatto difficile con il campionato italiano rischiava di tagliare le gambe a questo esterno dotato di grande corsa ma, come dimostrano le ultime partite, anche di buon feeling con il gol.

Del resto forse qualcuno ha dimenticato che all’inizio con Conte Hakimi fece anche peggio, finendo in panchina in attesa poi di esplodere definitivamente. In questo senso Dumfries ha bruciato le tappe. Merito anche di Simone Inzaghi, un allenatore che sa benissimo come valorizzare gli esterni e metterli a proprio agio all’interno di un meccanismo di gioco che ormai sembra ampiamente collaudato. Dumfries svela qualche retroscena sulla trattativa che lo ha portato in Italia:

“Sono sincero, quando ho firmato il contratto con l’Inter non ci ho pensato un attimo: l’ho fatto nonostante tante persone non credessero in me. Penso davvero che in Olanda si perda molto talento a causa di una certa visione dei calciatori. Semplicemente non ne vedono il potenziale, soprattutto con i difensori. Ma non mi sono mai arreso. Mi sono sentito più dispiaciuto per la visione limitata di certe persone. Ci sarebbe così tanto da imparare”. La sensazione è che possa crescere ancora e che il bello debba ancora venire.