Sport ultime notizie

Donnarumma Juve: la reazione a sorpresa di Raiola

Donnarumma Juve, le parti potrebbero riavvicinarsi. L’approdo del portierone della nazionale al Psg si sta rivelando molto più difficile del previsto, per non dire traumatico. Che la concorrenza di Navas sarebbe stata tosta Gigio lo sapeva, ma l’ex Milan non avrebbe mai immaginato di diventare un panchinaro di lusso.

Difficoltà impreviste

Eppure è quello che sta avvenendo, perchè con nove partite in stagione già andate in archivio, è evidente che Pochettino ha in mente una gerarchia ben definita: Navas è il titolare del Psg, Donnarumma è una riserva, di lusso, da utilizzare per far rifiatare il titolare. Con il dubbio che le poche volte in cui gioca, ciò accada più che altro per calmare un po’ le acque. La sensazione è che il Psg, nel delirio di onnipotenza delle spese pressochè illimitate cui ha accesso, non abbia considerato che il portiere è l’unico ruolo in cui non conviene avere due titolari praticamente allo stesso livello. perchè la sostituzione a gara in corso non avviene praticamente mai, se non per infortunio, e perchè per dispendio energetico, il portiere è l’unico della rosa che , salvo infortuni, può giocare tutte le partite.

Donnarumma in crisi

Donnarumma è sorpreso da quello he sta avvenendo, infastidito e anche triste. E’ arrivato a Parigi da miglior giocatore dell’Europeo vinto con la nazionale ed era convinto di essere il titolare. Fonti vicine a Raiola dicono che lo stesso procuratore è molto sorpreso, e si aspettava meno difficoltà da parte del suo assistito. Al punto che i due si starebbero già guardando intorno. E la Juventus torna prepotentemente di moda, già per gennaio. Perchè in casa bianconero il portiere è un altro caso: Szczesny si è rifatto contro lo SPezia, mail suo avvio di stagione è stato disastroso.

Idea per gennaio

E la Juventus si sarebbe già pentita di essersi lasciata sfuggire Donnarumma a zero, per seguire le rassicurazioni di Allegri, che puntava forte sul polacco. Adesso sta pensando a Donnarumma per giugno, ma è chiaro che l’esborso economico sarebbe enorme adesso, e dovrebbe garantire all’azzurro lo stesso contratto del Psg. Che difficilmente lo darebbe in prestito. Non solo: Szczesny percepisce uno stipendio altissimo, ed è sotto contratto per altri due anni.

Il ritorno al Milan

Un esborso simile sarebbe impensabile, soprattutto se fino a gennaio la Juventus non riuscisse a recuperare in campionato nelle posizioni di vertice. Insomma tutti scontenti, tranne il Milan e i suoi tifosi: il paradosso è che chi sembrava uscito peggio dalla vicenda Donanrumma, con il suo addio a parametro zero, ora si goda lo spettacolo, anche con un po’ di sano cinismo, con la convinzione che Gigio possa essersi anche un po’ pentito della sua decisione. Soprattutto vedendo Maignan sostituirlo alla grande e vedendo il Milan ancora più forte dello scorso anno. E chissà che un giorno il figliol prodigo non possa tornare a casa.