Sport ultime notizie

Lukaku rimane all’Inter: Inzaghi e Marotta pronti alle dimissioni

L’estate da incubo dell’Inter potrebbe essere solo all’inizio. Dopo l’addio choc di Conte e quello doloroso di Hakimi, dopo il dramma sfiorato da Eriksen (che comunque per il momento, e forse non solo, è out), è arrivata la bomba dell’addio di Romelu Lukaku, destinazione Chelsea. Nelle ultime ore si è fatta strada una piccola speranza: Lukaku rimane all’Inter?Lukaku rimane all'Inter: Inzaghi e Marotta pronti alle dimissioni

E’ la domanda che si fanno tutti grazie al silenzio che arriva da Londra. La proposta ufficiale da 130 milioni che convincerebbe definitivamente l’Inter non è ancora arrivata, e giungono voci su una riflessione di Zhang che ha capito che sta rischiando di mandare a monte tutto il lavoro fatto, culminato con la vittoria dello scudetto.

Gli addii non si fermano qui

Se Lukaku rimane, la stagione si può ancora salvare. Anzi, si creerebbe un rinnovato entusiasmo, perchè di fatto sarebbe come riacquistarlo. Se Lukaku va al Chelsea, si potrebbe creare un effetto domino drammatico. In primis tra i giocatori: qualche big già in odore di partenza, potrebbe accelerare la preparazione della valigie. Ogni riferimento a Lautaro Martinez è assolutamente voluto.

Ma non solo: circola voce di un Simone Inzaghi arrabbiatissimo, che non avrebbe nessuna intenzione di fare da vittima sacrificale. Dell’addio di Hakimi e della campagna acquisti low cost sapeva. Ma aveva avuto garanzie che nessun altro big sarebbe partito. Ora cambia tutto. Non solo: ci sarebbero anche frizioni enormi all’interno della società stessa. Lo stesso Marotta, contrario alla partenza di Lukaku, starebbe meditando le dimissioni, non più convinto di un progetto che non lo metterebbe nelle condizioni minime di lavorare al meglio.

Tutto dipende da Romelu

Insomma se Lukaku rimane la stagione dell’Inter può iniziare sotto i migliori auspici: forse non sarà la favorita per lo scudetto ma sarà competitiva. Ma se Lukaku va al Chelsea si potrebbe verificare uno dei maggiori ribaltoni estivi che il calcio italiano ricordi. E le dirette concorrenti non possono che godersi lo spettacolo.