Sport ultime notizie

Kaio Jorge Juve: con Allegri a vedere le corse dei cavalli

Kaio Jorge Juve, binomio che sta infiammando le fantasie dei tifosi. C’è chi lo paragona al Fenomeno Ronaldo, chi a Dybala. In realtà il brasiliano strappato al Milan ha un fisico più da centravanti, anche se probabilmente è più bravo di Morata nella giocata individuale, da buon brasiliano. Quel che è certo, è che si tratta di un acquisto particolarmente interessante, perchè di centravanti brasiliani alla Juventus nel recente passato non se ne ricordano tantissimi, soprattutto giovani promesse.Kaio Jorge Juve: con Allegri a vedere le corse dei cavalli

Vietato sbagliare

La Juventus è abituata a comprare giocatori già fatti e affermati. Proprio questo è il dubbio che serpeggia nell’ambiente Juve, lato tifosi e addetti ai lavori: la Juventus avrà la pazienza di aspettare un giocatore che per forza di cose, a meno di incredibili sorprese, avrà bisogno di un po’ di tempo per ambientarsi? Il problema di chi arriva alla Juve è sempre lo stesso: bisogna vincere subito e non si può sbagliare praticamente nessuna partita.

Tra cavalli e corto muso

Anche perchè la concorrenza è altissima: Cristiano Ronaldo, Dybala, Morata. Certo Kaio Jorge non arriva per fare il titolare, e in questo senso la sua scelta forse non è stata la migliore, almeno per dare continuità alla sua crescita in campo. Fuori, la crescita sarà assicurata. L’ambiente Juve, l’allenatore, i compagni, gli serviranno per maturare in fretta e per capire subito cos’è il calcio europeo. Con i tanti impegni che hanno i bianconeri, le occasioni non mancheranno. Saprà sfruttarle?

Di certo parte con un grande vantaggio: ha una grande passione per i cavalli, argomento che potrebbe consentirgli di entrare da subito nelle grazie di Massimiliano Allegri, altro grande intenditore di ippica. Se basterà per strappare qualche presenza in più è difficile dirlo. Di certo, nel tempo libero potranno andare insieme alle corse dei cavalli. Dove Allegri potrà spiegargli la filosofia del “corto muso“, una filosofia che per un brasiliano non sarà semplicissima da assimilare.