Sport ultime notizie

Il Torino si regala Verdi per festeggiare il primato

Per festeggiare il primato in classifica il Torino si regala il colpo Verdi dal Napoli. Qualche tifoso è contento, qualcun’altro fa notare che forse i rinforzi dovevano arrivare prima dell’eliminazione dall’Europa League. In ogni caso non si può negare a Cairo di portare avanti un progetto solido: “Sono contentissimo di riportare Verdi al Toro. Era il primo obiettivo che avevamo sin da inizio mercato. Avremmo voluto prenderlo prima, ma purtroppo non c’è stato modo perché il Napoli doveva fare altre operazione e finché non completava altre operazioni non poteva cederlo. Oggi ho fatto gli straordinari per prenderlo, una maratona che è iniziata dalle 15 di pomeriggio fino ad adesso“.

“Adesso il Toro può puntare in alto? Sì è una grande rosa e già la squadra che si è vista contro l’Atalanta mancavano tanti titolari, almeno 5. E abbiamo fatto una partita incredibile, avendo giocato tre giorni prima. Ho fatto un regalo a me (oggi è il quattordicesimo anniversario della sua presidenza n.d.r.), al mister e ai tifosi. Ci tenevo molto: Verdi è in assoluto l’acquisto più caro della storia del Torino“.

“Se ho temuto di non farcela? No, c’era Giuntoli che era sempre in contatto con De Laurentiis e c’era la volontà da parte di tutti di chiudere questa trattativa. È stato importante anche per i rapporti con il Napoli, che io ho già con il presidente De Laurentiis ed era giusto averli anche come società. Nkoulou? Si può risolvere, sta a lui tornare ad essere la persona che tutti conosciamo. Millico? È rimasto, ma per lui c’è ancora la possibilità di andare a giocare in qualche campionato importante all’estero“.