Sport ultime notizie

Inter, c’è una drammatica verità dietro il caso Icardi

L’elemento che più sta preoccupando Marotta e Conte in queste prime settimane di mercato, è che al contrario di quanto sta filtrando all’esterno, c’è una clamorosa verità sul caso Icardi: e cioè che ad oggi, non è arrivata nessuna offerta ufficiale per l’attaccante nerazzurro. Ne dall’Italia, ne dall’estero.

Quelli di Napoli e Juventus sono stati dei semplici sondaggi, che per il momento non hanno portato all’avvio di alcuna trattativa ufficiale, ne tantomeno sul tavolo di Marotta è giunta alcuna proposta da valutare. Nemmeno dall’estero. E’ questo l’elemento che maggiormente inquieta l’ambiente nerazzurro, che a questo punto inizia a temere che il fatto che il giocatore vada in scadenza, possa portare eventuali pretendenti ad aspettare. Il giocatore è infatti molto giovane ancora, per cui aspettare un anno o due per una nuova squadra non è un problema.

Il problema, grosso, sarebbe invece tutto dell’Inter. Che si ritroverebbe tre problemi in uno: la convivenza forzata con un giocatore ingombrante che non vedendo mai il campo sarebbe una spina nel fianco sostante, e un motivo continuo di domande da parte di giornalisti. Due, uno stipendio oneroso pagato totalmente a vuoto. Tre, il rischio di perdere tra due anni il giocatore a zero, o comunque di vederlo continuamente svalutato ogni giorno che passa. Se si pensa che la clausola rescissoria di 110 milioni, quando tutto andava bene veniva ritenuta addirittura bassa, e che adesso per Icardi nessuno spenderebbe più di 30 milioni, fa capire il dramma sportivo e finanziario di Marotta.

Nella conferenza stampa congiunta con Antonio Conte, l’ad sport dell’Inter aveva dichiarato: “Come gestire Icardi se dovesse rimanere? Eventualmente ne parleremo a fine mercato. Oggi bisogna avere una visione più ottimistica delle cose“.