Sport ultime notizie

Nainggolan, destinazione decisa ma c’è un grosso problema

A pensarci oggi, probabilmente Nainggolan si è pentito di essere andato via da Roma. Il Ninja mai avrebbe immaginato che l’addio alla Capitale avrebbe avuto un effetto così negativo sulla sua carriera. Il primo anno in nerazzurro con Spalletti è stato costellato da alti e bassi, per colpa sua e per colpa di troppi infortuni che ne hanno minato il rendimento.

Adesso che a Milano arriva Conte, tutti credevano che Nainggolan sarebbe tornato a essere un’arma devastante in mezzo al campo, capace di correre, recuperare palloni e inserirsi in zona gol come ha dimostrato di saper fare in maniera eccellente nei suoi anni in giallorosso.

Ma poi la doccia fredda: Conte on ha la minima intenzione di prenderlo in considerazione, e allora Nainggolan deve trovarsi una sistemazione. Tutti gli indizi portano a un trasferimento in Cina. Il Ninja non ha mai nascosto di non mettere il calcio al primo posto nella sua scala di priorità, e un’avventura in un campionato così poco impegnativo gli consentirebbe di guadagnare come un Paperone e di allenarsi senza troppo stress. Ma c’è un grosso problema: il mercato in Cina chiude il 31 luglio, dunque l’Inter ha poco tempo per chiudere la trattativa. E se dovesse sfuggire quest’occasione, non sarebbe facile vendere Nainggolan in Europa.

“Radja non è rimasto molto felice dopo le dichiarazioni dell’ad Giuseppe Marotta, che lo vedono fuori dal progetto di mister Antonio Conte”. Parla così Riana Nainggolan, sorella del centrocampista dell’Inter, ai microfoni del Corriere dello Sport, commentando le parole del CEO Sport nerazzurro. “Ci sono possibilità che mio fratello vada via da Milano – continua Riana -, anche se al momento non c’è una squadra in vantaggio per accaparrarselo. Potrebbe essere intrigato anche da una proposta dall’estero. Sono legatissima a lui, ma nemmeno a me ha ancora detto in quale squadra vorrebbe andare. Piacerebbe anche a me sciogliere questo nodo”.