Sport ultime notizie

Marotta fa ufficialmente fuori Icardi e Nainggolan alla vigilia del ritiro: “Il talento non basta”

Strategia giusta o rischiosa? Nel giorno della presentazione ufficiale di Antonio Conte e alla vigilia del ritiro, Marotta anticipa i due temi che non sono stati risolti in questa prima fase di mercato e che inevitabilmente peseranno su Antonio Conte.

E così, chiaramente d’accordo con il tecnico salentino, Marotta spiega ciò che si è ampiamente anticipato in queste settimane, e cioè che quelli che forse sono gli unici due veri big della rosa dell’Inter non faranno parte del progetto di Antonio Conte. “Abbiamo già parlato con i diretti interessati, abbiamo spiegato loro la presa di posizione della società. Sia Icardi sia Nainggolan non rientrano nel progetto tecnico – ha detto Marotta a Sky Sport -. Sono entrambi ottimi giocatori e ottimi talenti. Ma chiaramente il talento da solo fa vincere le partite, ma è la squadra che fa vincere un campionato e raggiungere l’obiettivo che ognuno ha prefisso. Di conseguenza non rientrano nel nostro progetto, con la trasparenza e il rispetto che è loro dovuto”.

I tifosi si dividono su questa presa di posizione dura ma rischiosa. Se la situazione di Icardi è più chiara, in virtù di quanto successo lo scorso anno (anche se ci sono molti tifosi che vorrebbero recuperarlo), lascia perplessi l’ostracismo nei confronti di Nainggolan, considerato che il belga è arrivato solo un anno fa in pompa magna, che è costato Zaniolo più soldi, e che si pensava che con Conte potesse dare molto. Marotta spiega: “Una cosa è affermare che il giocatore è sul mercato, e questo lo abbiamo detto, una cosa è rispettare quelli che sono poi gli aspetti contrattuali, un accordo collettivo che prevede comunque che il calciatore debba prendere parte agli allenamenti, quindi debba essere allenato. Noi non vogliamo assolutamente venir meno ai nostri doveri. Poi ci sono anche dei diritti, come quello dell’allenatore di scegliere la formazione da mettere in campo”.