Sport ultime notizie

Higuain come Icardi: ecco la strategia del Pipita che blocca la Juve

Higuain come Icardi. Il Pipita rischia di diventare un serio problema per la Juventus. Dopo il rientro dal doppio prestito, andato malissimo al Milan e al Chelsea, l’argentino ha fatto ritorno alla base. Dove, nelle intenzioni della società, è solo di passaggio considerato che non rientra nei piani della società e a questo punto nemmeno del tecnico su cui più di tutti poteva fare affidamento, Sarri.

L’esperienza a Chelsea ha destabilizzato il tecnico toscano, che si era esposto in prima persona per far arrivare il Pipita in fretta e furia a gennaio, indicandolo come uomo fondamentale della svolta (“Vi faccio vedere io chi è Higuain”) salvo poi rendersi conto che qualcosa si è rotto nella testa e nel fisico del Pipita, che è lontano anni luce dal giocatore straordinario che ricordava dai tempi del Napoli.

Chelsea in finale di rigore, Higuain escluso dalla lista

Per questo Sarri, che lui stesso deve conquistare l’ambiente in questo suo primo anno in bianconero e che si sente non poco sotto esame, si guarda bene dal poter garantire ancora per il Pipita. E così si allinea alle decisioni della società che vuole venderlo. Higuain invece punta forte sul ritiro, in cui vuole dimostrare a Sarri di essere ancora il giocatore che lui ricorda, sperando così di fargli cambiare idea.

Il problema è che nel frattempo rifiuta qualunque altra ipotesi, Roma compresa, che ha dichiarato con Petrachi pubblicamente il suo interesse verso il Pipita. E così il mercato in uscita dei bianconeri si blocca. Se Higuain dovesse rendersi conto, in ritiro, che non ci sono margini per far cambiare idea a tutti, potrebbe decidersi negli ultimi giorni di mercato a trasferirsi alla Roma o in un’altra squadra, magari all’estero, che dovesse fargli una proposta interessante.