Novità dall'estero

Spara quasi in faccia all’amico per fare un selfie al poligono: istruttore reagisce malissimo

Pur di pubblicare un selfie originale sui social ormai, si sa, si farebbero carte false. Dove può arrivare la stupidità umana ancora non lo sappiamo, ma certo quello che mostra un video di poche ore fa in rete è l’esempio che si sta davvero oltrepassando il limite.

Due amici si sono recati al poligono di tiro per sparare qualche colpo: una pratica molto comune negli Stati Uniti. Evidentemente però, almeno per uno dei due, l’esercitarsi con la mira non è la priorità assoluta. Non appena raggiunta la cabina di tiro e indossate le cuffie per ripararsi dal rumore, uno dei due impugna in una mano lo smartphone, per fare dei selfie, e nell’altra la pistola.

Quale delle due armi sia più pericolosa, ormai, è difficile stabilirlo. In ogni caso, il tizio prima si fa un selfie con una posa da macho alla James Bond, con pistola incrociata sul petto. Cosa che già non va bene, ma passi. Poi, non contento, decide di farsi un selfie mentre punta la pistola, che ovviamente è carica, sulla faccia dell’amico accanto a lui, sfoderando un bel sorriso.

Come una furia alle loro spalle arriva l’istruttore che disarma l’uomo e caccia entrambi, i quali stanno palesemente contravvenendo alle minime misure di sicurezza del poligono di tiro, per se e per gli altri. Insomma giornata di divertimento finita anzitempo per i due, e considerata la severità da questo punto di vista negli Stati Uniti, non escludiamo che possano essere banditi da quei luoghi per molto tempo.