Novità dall'estero

Nonno trovato mummificato in casa abbracciato alla sua bambola gonfiabile

Una storia di abbandono e solitudine quella che ha per protagonista un pensionato, trovato dalla polizia russa, mummificato, all’interno della sua abitazione a San Pietroburgo. Il 66enne è stato scoperto dopo che i vicini si erano lamentati del cattivo odore presente in tutto il condominio. “Non vedevamo Valery da molti mesi” hanno raccontato.

Il sospetto che qualcosa di irrimediabile fosse successo, si è avuta quando la polizia ha fatto irruzione nella casa del pensionato. LA scena che la polizia si è trovata davanti è stata un mix di squallore e tristezza: l’anziano era sdraiato sul suo divano accanto ad una bambola gonfiabile “fatta in casa”, come si legge anche sul Daily Mail. “Era vestito e parzialmente mummificato. Era morto da diversi mesi” ha rivelato un agente a Nevsky News.

Stando alla ricostruzione della polizia, l’uomo avrebbe assemblato “la sua bambola fai da te” con oggetti raccolti di bidoni della spazzatura vicino a casa sua, nel quartiere cittadino di Moskovsky. La testa era stata strappata da un manichino utilizzato in un negozio di abbigliamento. Il corpo è stato unito con pezzi di stoffa, corde e vecchi asciugamani. Il grande busto, visibilmente sproporzionato, era invece costituito da tappeti di colore rosa. “Il suo corpo assomiglia più a quello di una mamma, ma la ‘fidanzata’ che giace sul divano accanto a lui è rimasta incolume”, si legge in un rapporto delle autorità.

Sul corpo della vittima sarà eseguita un’autopsia, ma la polizia è convinta che l’uomo sia morto per cause naturali. Non ci sono stati segni di violenza.