Novità dall'estero

Figlia torna dall’asilo, mamma fa una scoperta che la lascia sgomenta

Tutte le mamme, quando lasciano i figli all’asilo, hanno sempre paura che possa accadere loro qualcosa. La spinta di un altro bambino, un boccone di traverso, un rimprovero un po’ più forte della maestra. Ma quello che è accaduto alla figlia di Alice va al di là di tutti i peggiori incubi che può fare una madre.

E’ letteralmente rimasta scioccata Alice quando ha scoperto almeno 25 segni di morsi sul corpo della figlia di 15 mesi dopo che è tornata a casa dall’asilo. Alice Martin, dell’Arizona, USA, ha immediatamente accusato di negligenza la scuola materna frequentata dalla bambina e l’ha denunciata alla polizia e al Dipartimento della Salute.

Tutto è iniziato quando la mamma si è accorta che la piccola Rosalynn era stata ferita cambiandole i vestiti. Ha scoperto il primo segno, poi guardando tutta la schiena, si accorta che era completamente ricoperta di segni rossi sulla schiena. Non poteva credere ai suoi occhi.

“All’inizio ho pensato: ‘sono davvero dei morsi?’. E poi, il mio cervello ha smesso di pensare e ho iniziato a piangere. Il fatto che non mi abbiano detto nulla quando l’ho presa in braccio è semplicemente sbalorditivo” ha detto Alice a KOLD News 13: “Credo che se bambino viene morso così molte volte si mette a piangere. Dovrebbe essere molto turbato. Perché non hanno fatto nulla a scuola? Vuoi sempre proteggere i tuoi figli e sento che non è successo” dice ancora la donna all’emittente locale americana. “Mi sento in colpa perché è come se l’avessi lasciata con qualcuno che non si è preso cura di lei per niente”.

La pista più probabile seguita dalla polizia lascia ritenere che i segni, scoperti a febbraio, siano stati causati da un altro bambino. Al momento non è stato preso nessun provvedimento ufficiale. La Creative Beginning Preschool non ha rilasciato alcuna dichiarazione sull’incidente e il Dipartimento della Salute ha dichiarato di non poter commentare le indagini in sospeso, secondo il Daily Mail. Alice aggiunge: “Il fatto che nessuno sia intervenuto in quel momento in cui mia figlia era lì, ferita, mi fa pensare. Forse hanno ignorato le grida, non lo so, ma ci vuole del tempo per fare quel tipo di morsi e mia figlia sarebbe stata molta irritata”.