Sport ultime notizie

Ecco l’Inter di Conte: le tre mosse per vincere subito lo scudetto

Non che ce ne fosse bisogno, ma adesso Conte all’Inter è una realtà. L’annuncio è stato dato e ora si può iniziare a progettare formalmente la nuova Inter, anche se in realtà Marotta e il tecnico salentino sono già al lavoro da diverso tempo.

L’Inter di Conte sarà molto diversa da quella di Spalletti, e non solo nel modo di approcciare al campo e di giocare. Conte porterà una rivoluzione tattica, ma soprattutto psicologica e comportamentale. Via i social, o almeno l’abuso di essi. In questo senso l’addio di Icardi sarà di esempio per tutti: nessuno può mettere gli interessi personali prima della squadra, qualunque sia il suo nome. Spalletti e Marotta l’hanno fatto capire in corsa, l’anno scorso, con risultati disastrosi. Conte chiarirà tutto il primo giorno di raduno, e forse anche prima nella conferenza stampa di presentazione. Ha il polso, il carattere e la credibilità per far rigare dritto tutti.

In questo senso, partenza di Icardi a parte, dovrà guardare negli occhi giocatori come Perisic e Nainggolan, per capire se sono disposti a dare ciò che finora hanno dato solo parzialmente. San Siro diventerà un fortino dove per gli avversari, tra aggressività della squadra e spinta del pubblico, sarà difficilissimo giocare. Considerando tutti i punti persi da Spalletti con le piccole in casa, si tratta di un tesoretto di punti che di per se potrebbe far volare i nerazzurri.

Infine il mercato: l’addio di Icardi sarà dimenticato presto con l’arrivo sicuro di Dzeko, giocatore che Conte aveva provato già a portare al Chelsea, professionista, e uomo di manovra, uomo gol e uomo assist, centravanti dai piedi buoi e dal fisico imponente, capace di far salire la squadra e da fare da torre per i lanci lunghi quando la squadra è in difficoltà. Ma Dzeko non basta: Lautaro piace molto a Conte, ma potrebbe non essere pronto per fare il titolare. Il sogno è Lukaku, che però non potrebbe giocare titolare con Dzeko, e questo potrebbe far vacillare la decisione di uno dei due di trasferirsi in nerazzurro. Conte vuole vincere subito lo scudetto: sa che è possibile, sfruttando anche il cambio di allenatore in casa Juve.