Novità dall'estero

Donna sposa sconosciuto con un “inganno” del datore lavoro

Sposarsi per finta, per poi scoprire che invece è tutto vero. E’ quanto avvenuto a una donna di 21 anni di Hong Kong, che sostiene di essere stata raggirata e spinta a sposarsi con l’inganno. L’aggravante è che ha sposato un perfetto sconosciuto mentre prendeva parte a un matrimonio che credeva “finto”.

Stando al racconto della donna, le era stato detto che avrebbe dovuto recitare il ruolo di sposa in un matrimonio simulato. Si trattava di uno step del corso di formazione per diventare una wedding planner. Durante la cerimonia però lei e l’uomo, sconosciuto, hanno firmato un vero e proprio documento di matrimonio.

Ricostruzione della vicenda

I fatti iniziano quando la 21enne ha letto un annuncio su Facebook per un apprendistato di make-up artist. Il colloquio è andato bene, ma l’azienda l’ha convinto a passare a un ruolo di wedding planner. La ragazza ha accettato, e ha iniziato con lo svolgere una settimana di formazione gratuita ad Hong Kong. In seguito, il corso prevedeva la partecipazione a un finto matrimonio nella provincia cinese del Fujian per passare il corso.

A luglio, la giovane ha firmato un documento di domanda di matrimonio in un centro governativo locale. Secondo il South China Morning Post, l’azienda le avrebbe detto che il matrimonio era però finto e non aveva dunque valore legale.

E invece era tutto vero: la donna ha scoperto di essere davvero sposata dopo essere tornata a Hong Kong dopo il matrimonio. Ora è passata alle vie legali. Si è anche rivolta alle forze dell’ordine, ma al momento non ha prove che sia stata vittima di un crimine.

La donna nel frattempo si è anche rivolta alla Federazione dei sindacati di Hong Kong (FTU). Nel frattempo, lei rimane sposata per ora e potrebbe dover chiedere il divorzio.

Non ci sono notizie sull’uomo che ha sposato, se fosse d’accordo con gli organizzatori o se sia stato anch’egli raggirato.

Qual è il motivo di una truffa del genere?

La spiegazione della truffa potrebbe essere questa. I residenti cinesi che sono sposati con un partner di Hong Kong possono richiedere di risiedere in città, e questo spiegherebbe le ragioni della truffa. Non sono rari i matrimoni finti per consentire l’accesso a Hong Kong a residenti cinesi (anche se fatti con l’inganno è una novità): ogni anno, la polizia di Hong Kong scopre una media di 1000 casi di truffa in casi di matrimonio transfrontaliero.

“È una nuova forma di truffa sul matrimonio“, ha detto alla BBC Tong Kamgyiu, direttore del comitato per i diritti della FTU. “Mi sento deluso e non posso credere che stia accadendo anche nella moderna Hong Kong“.