Sport ultime notizie

L’annuncio di Chiellini: “Alla Juve arriva un grande allenatore”

L’addio di Allegri è ancora fresco, ma per la Juventus è tempo di andare avanti. Il nome del nuovo tecnico, almeno pubblicamente, non è stato ufficializzato. Questo non impedisce a Chiellini di avere una certezza: il prossimo tecnico della Juve sarà un grande allenatore.

Lo spiega lui stesso: “Sono serenissimo, non ne so più di voi. Però sono convinto che sarà un grande allenatore. E la Juventus continuerà a vincere. La società farà la scelta migliore possibile. D’altronde, qui si parla di un livello talmente alto. Sarà un nome da Juve. Non avete idea di quanti messaggi ricevo ogni giorno? E il bello è che mi danno la notizia, mi sparano il nome e me lo danno per certo, con dettagli improbabili. Però poi chiedono conferma a me!. Cioè, loro sono certi, però mi chiedono se mi risulta. Pazzesco!”.

Poi Chiellini torna sulla fine del ciclo Allegri, che metterà ancora una volta tutti i giocatori davanti alle proprie responsabilità, chiamati a ricominciare da zero o quasi con un nuovo tecnico, con l’obiettivo di fare meglio in Europa:

“Allegri ha lasciato al momento giusto? Penso di sì, va via acclamato da tutti. Ha fatto qualcosa probabilmente di irripetibile, tra scudetti, Coppe, finali di Champions. E’ un ciclo durissimo da ripetere per continuità di successi. Ecco perché non mi sorprenderei di rivederlo alla Juve tra qualche anno, perché l’amore che Max ha per la Juve e viceversa è talmente grande che un domani si potranno ritrovare tranquillamente. Lui dice sempre: ‘Basta, dopo la Nazionale mi fermo’. Però se ha voglia di allenare ancora per un po’ di anni, non escludo che possa tornare. E’ nell’élite del calcio mondiale, ma arriva un momento in cui tutto l’ambiente ha bisogno di nuovi stimoli. Quanto alle presunte polemiche tra i giocatori e l’allenatore, non è vero nulla: il rispetto, la stima e l’affetto per Allegri è stato dimostrato da tutti noi nell’ultima settimana all’esterno, perché all’interno, nello spogliatoio, non ce n’era neanche bisogno”.