Icardi ormai si è messo l’Inter alle spalle. Almeno di fatto. Poi quello che c’è nella testa nel cuor e nello stomaco lo sa solo lui. Ma l’impatto con la nuova realtà parigina è stato più che positivo: “Non mi aspettavo neppure tanto affetto da parte dei tifosi – spiega l’argentino in esclusiva per la Gazzetta -, mi hanno accolto bene fin dal primo riscaldamento al Parco dei Principi. Ho avuto poi la fortuna di giocare subito contro il Real Madrid, prima di un lieve infortunio. Ora sto bene, la macchina è ripartita, anche se devo continuare a lavorare perché ho avuto un periodo estivo complicato e non ero al cento per cento quando sono arrivato a Parigi”.

Il destino potrebbe mettergli davanti l’Inter in Champions, anche se i nerazzurri sono in difficoltà:
“La vivrò nel migliore dei modi. Se toccherà a me andare in campo, da professionista darò il massimo per difendere la mia nuova maglia”.

Sugli obiettivi:
“Per quest’anno sono al Psg e il mio obiettivo è dare il massimo per questa maglia. Poi a fine campionato, verso maggio o giugno, vedremo che succede. È ancora presto per dire qualcosa”.

Sull’Inter:
“All’Inter non posso che augurare sempre il meglio in ogni competizione. A Milano ho ancora tanti amici”.

Su Lukaku:
“Non mi sembra Lukaku stia vivendo un momento di difficoltà. Anzi, mi pare abbia iniziato bene, segnando subito un paio di gol. Poi anche lui si è infortunato e magari questo fatto ha sollevato le solite critiche. Ma non è facile per nessuno giocare in Italia”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.