Il tecnico dell’Under 21 Paolo Nicolato parla di Zaniolo e Kean. Secondo il ct si tratta di due giocatori “di talento con grandissime qualità, ma devono rispettare le regole e fare la riflessione giusta su qualche errore”. I due”devono fare un certo tipo di percorso, e capire che l’attività va svolta in un certo modo. Sbagliare – ha detto Nicolato – non è un grande problema, semmai il problema è non imparare dagli errori. Fare il calciatore non è solo avere qualità di gioco, ma fare un insieme di cose nel lavoro di gruppo, con regole che non sono tante, ma vanno rispettate”.

Nello specifico, sul talento della Roma dice che “può funzionare in qualsiasi ruolo, in qualsiasi zona del campo. L’abbiamo utilizzato in Nazionale in varie posizioni, le sue qualità sono di tale portata che può essere impiegato in qualsiasi parte”.

Sul match con il Lussemburgo e gli altri impegni: “Il girone non è semplicissimo. Ci sono squadre complicate e altre in crescita come Irlanda e Islanda, avversari molto tosti. La Svezia è di buon livello. Noi dobbiamo cercare di migliorarci. Non è un girone scontato e confrontarsi a livello europeo non è più semplice come 20 o 30 anni fa, ormai tutti conoscono il calcio, diventato patrimonio generale”. Per la squadra di Nicolato la strada da seguire è chiara: “Condividere delle idee e portarle sul campo. Poi è ovvio che i risultati dipendono anche dagli altri, ma bisogna avere una mentalità propositiva. Anche nel senso del gruppo serve una mentalità importante, con uomini che abbiano la capacità di svolgere un determinato lavoro”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.