Owen, straordinario talento anni Novanta dell’Inghilterra, attacca Fabio Capello;”Capello ha finito la mia carriera con la nazionale. Alla prima riunione ho notato che era molto rigido riguardo al cibo, non parlava una parola di inglese. Noi ci guardavamo e dicevamo ‘Ma come farà questo a spiegarci qualcosa?’. Ripensandoci, la scelta di dare la panchina a qualcuno che non parlava la nostra lingua è stata assurda, non so cosa hanno pensato alla FA. Per le prime due partite sono andato in panchina dopo essere stato titolare per anni. E ho pensato ‘Qui le cose non vanno’”.

Non è mai scattato il feeling:“Sembrava che dovesse cambiare per forza qualcosa. E quel qualcosa ero io, per me era evidente. Non solo Capello ha messo fine alla carriera in nazionale senza una spiegazione, ma è stato anche uno dei peggiori allenatori dell’Inghilterra di tutti i tempi. Ha causato danni enormi alla mia carriera e al calcio inglese in generale. E lo hanno pagato benissimo per farlo”.

Su Beckham che si prese un rosso ai Mondiali: “Un comportamento infantile, inutile. La gente dirà che è stato un errore, ma la mia sensazione è che, se vuoi vincere i Mondiali, non puoi permetterti di sbagliare. Non sapremo mai come sarebbe andata a finire, ma stavamo giocando bene. Mentirei se non dicessi che David quel giorno ha deluso tutti quelli della squadra, e tutt’ora provo un po’ di risentimento per questo”.

Sul Newcastle: “Mi pento di essere andato lì. Avrei dovuto dare retta al mio istinto fin dal primo momento. Non ci volevo andare, sognavo un ritorno al Liverpool. L’allenatore del Newcastle, Graeme Souness, mi chiamava ogni due settimane mentre ero in Spagna, e non posso negare di avere apprezzato le attenzioni che mi riservava. Non avevo dubbi sul fatto che sarebbe stato un passo indietro nella mia carriera”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.