L’arrivo di Lukaku all’Inter costituisce comunque vada un punto fermo importante: Icardi è stato sostituito, sia che parta sia che resti da separato in casa, e Conte potrà contare sul giocatore di cui aveva maggiormente bisogno per sviluppare la sua idea di gioco.

Ma l’Inter non ha certo intenzione di fermarsi qui, e se ci saranno le condizioni saranno anche altri i colpi che metterà a segno prima della chiusura del mercato. Perchè ciò accada, però, è necessario che si concretizzino alcune cessioni. Dopo quella di Nainggolan, dovrà arrivare necessariamente quella di Icardi e possibilmente anche quella di Perisic. In questo modo Conte si sarà liberato dei tre giocatori che non gradisce tatticamente e Marotta avrà cassa per investire. Fa riflettere come Conte abbia bocciato di fatto i tre uomini più importanti della rosa nerazzurra. Una grossa responsabilità che si sta prendendo il tecnico salentino.

La Gazzetta spiega quali sono le prossime mosse nerazzurre: “Il colpo Lukaku vuole essere il primo di un mese di agosto intenso in casa Inter. Il primo obiettivo dei nerazzurri ora sarà completare l’attacco, portando l’affondo decisivo per Dzeko. A quel punto le energie si sposteranno sul centrocampista top da regalare ad Antonio Conte. Il nome in cima alla lista dei desideri è Sergej Milinkovic-Savic. Un’operazione non semplice, che dipende da due partenze: quella di Icardi in modalità cash e l’addio di Joao Mario. L’argentino è sempre valutato 75 milioni di euro dalla dirigenza, che non ha intenzione di abbassare le pretese. Lo scambio con Dybala non è affatto da escludere, ma se Mauro dovesse partire senza contropartite tecniche il tesoretto incassato verrebbe investito sul centrocampista. Lotito aveva impostato l’operazione con lo United (poi naufragata per la mancata partenza di Pogba) su una base di 75 milioni di euro più 15 di bonus. Il patron biancoceleste, al contrario dell’anno scorso, pare però più aperto a trattative per il suo giocatore, a patto di non doverlo cedere proprio negli ultimi giorni di mercato. E l’Inter, alle giuste condizioni, può essere l’acquirente”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.