Una storia come tante altre, almeno all’apparenza. Una storia che poi finisce in maniera tragica, segnando il destino di un uomo ed una donna.

Lui e lei si incontrano: si piacciono, scoprono di avere un sacco di cose in comune, si sposano. Sembra una bella storia d’amore, addirittura perfetta. Tutto diventa un incubo quando scoprono che i due sono, senza saperlo, fratelli gemelli separati alla nascita.

Ma come è possibile? Fratello e sorella erano stati dati in adozione a due famiglie diverse poco dopo la nascita, ma a nessuno fu mai detto che aveva un gemello.

Questa storia ha rilanciato le polemiche sulla discussione attualmente in corso sulla revisione delle norme sull’inseminazione artificiale e sul diritto del bambino di conoscere l’identità dei genitori biologici.

I due erano stati separati alla nascita. Il destino ha voluto che si incontrassero di nuovo dopo parecchi anni. Qualcosa di forte li attraeva, tante erano le somiglianze nel loro carattere. Ma non era affinità di coppia o l’anima gemella che diventava realtà: la realtà è che erano gemelli e decidono di sposarsi. Solo dopo la scoperta choc, il giudice concede l’annullamento delle nozze. È successo in Gran Bretagna e la notizia è diventata di dominio pubblico. E’ accaduto qualche anno fa, ma è una storia che vale la pena raccontare per chi non l’avesse mai letta, considerata l’unicità del caso. Sulla vicenda si è già espressa l’Alta Corte (secondo la quale il matrimonio non ha mai avuto alcuna validità) ma tutti i particolari, compresa l’identità dei protagonisti della vicenda, sono stati ovviamente tenuti segreti.

E’ stato reso noto, per rispettare la privacy dei due protagonisti della vicenda, ovviamente devastati dalla scoperta, che i due, separati alla nascita, furono dati in adozione a due famiglie diverse, ma a nessuno fu mai detto che aveva un gemello. Il caso è venuto alla luce alla vigilia del voto sulla revisione delle norme sull’inseminazione artificiale e sul diritto del bambino di conoscere l’identità dei genitori biologici.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.