Sopravvivere ai propri figli è il dramma peggiore che può capitare a un genitore. E’ quello che ha dovuto affrontare Carole, mamma di Taylor. Il ragazzo ha perso la vita mentre cercava di diventare un poliziotto come aveva sempre sperato e sognato. Taylor è rimasto ucciso mentre stava gestendo il traffico nella Colorado Highway 66 in seguito ad un incidente.

Gli agenti cercavano di fermare un veicolo in fuga, ma sono stati investiti. Taylor è morto sul colpo, il collega Clinton è riuscito miracolosamente a sfuggire alla morte, salvandosi. Taylor è anche riuscito a diventare un eroe, poco prima di spegnersi: ha potuto segnalare ad un camion quello che stava accadendo, così da salvargli la vita.

Per Carole, la consolazione che il figlio fosse morto mentre faceva ciò che amava e salvando un’altra persona. Consolazione che certo non ha potuto alleviare il dolore della mamma.

La conferma del fatto che la vita di Carole non è stata più la stessa, è il fatto che pur non avendo alcun senso, per cercare di elaborare il lutto ha continuato ogni giorno a mandare un messaggio al figlio.

Un’abitudine che serviva a farlo sentire ancora un po’ in vita, ad alleviare per qualche istante il dolore e la mancanza. Carole, continua a fare questo per tanto tempo fino a quando un giorno riceve un messaggio di risposta dal numero del figlio. Il numero di Taylor, infatti, era stato riassegnato.

La coincidenza è che era stato assegnato ad un sergente, Kell Hulsey, che ha voluto comunicare alla madre l’avvenuto cambio. La donna lo ha letto come un segno: il numero del figlio era stato dato proprio ad una figura come quella che il giovane Taylor voleva diventare.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.