Che il lavoro sia poco è un dato di fatto, ma questo non significa che si debba accettare qualsiasi cosa pur di guadagnare. Il problema è che la proposta di lavoro di un’impresa di pulizie inglese è alquanto allettante dal punto di vista econonomico, considerato che la ditta offre 45 sterline (52 euro) all’ora alle colf che puliscano le case dei suoi clienti. Piccolo particolare, devono farlo completamente nude.

Unici indumenti consentiti mentre la lavoratrice passa l’aspirapolvere, lava, spolvera o stira: i guanti, le scarpe e nulla più.

A lanciare la proposta Naturist Cleaners, azienda che gestisce il servizio. E non pensiate che si debba essere modelle per passare la selezione. Si accettano donne di tutte le età qualunque sia il loro aspetto fisico; per candidarsi le interessate dovranno compilare un formulario online, allegare una loro fotografia in bikini e, ovviamente, risiedere in Gran Bretagna.

Viene naturale domandarsi che tipo di clientela abbia necessità di una colf nuda. Il primo pensiero va a uomini interessati a guardare donne nude mentre fanno le pulizie, e che il tutto possa poi sfociare in altro. Insomma una sorta di prostituzione mascherata. E invece no. I clienti dell’agenzia in questione, per la maggior parte, sono naturisti e, se lo desiderassero, durante il servizio di pulizia potrebbero a loro volta stare senza vestiti, ma a condizione che non si avvicinino troppo né tocchino la colf. Inoltre, la regola base è che le fotografie e i video sono vietati.

Se pensate che sia un’idea bizzarra e discutibile, sappiate che Naturist Cleaners è nata due anni fa a Londra e, grazie all’innovativo servizio offerto, si sta espandendo in tutto il Regno Unito; proprio per questo ora è alla ricerca di nuovo personale. Laura Smith, la proprietaria, ha raccontato a The Telegraph che l’idea le è saltata in mente dopo aver ricevuto la richiesta da parte di un cliente di poter stare nudo mentre lei faceva le pulizie.

L’azienda tiene a precisare che il servizio di pulizia da parte di personale in costume adamitico non ha nulla a che vedere con il “sesso”. Si rivolge piuttosto alla comunità naturista, i cui membri vivono la nudità come una condizione naturale, nel rispetto e in armonia con la natura, e senza trascendere nella pornografia o nell’esibizionismo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.