Non solo serial killer, ma anche cannibale, con i suoi gusti particolari, che imponeva agli altri. Joe Metheny serial killer di 62 anni, vendeva hamburger di carne umana preparati con i resti delle proprie vittime.

Condannato, è deceduto nel carcere dove stava scontando la sua pena, due ergastoli.

Metheny è stato condannato per l’omicidio di due donne, Cathy Magaziner and Kimberly Spicer, durante gli anni 90′. In realtà gli omicidi sarebbero molti di più, come lui stesso ha orgogliosamente confessato. Pare siano dieci in totale ma le forze dell’ordine credono il numero possa essere più alto.

L’uomo, di corporatura robusta, aveva una perversione particolare: dopo aver ucciso le sue vittime, conservava la loro carne in un congelatore dove teneva aperte anche del latte di manzo, in modo da mischiare gli odori e i sapori. “Nessuno può percepire la differenza” tra carne di maiale e carne umana, assicurava.

Ha ucciso le sue vittime quando viveva accanto ad una azienda di pallet, nel sud di Baltimora. Nonostante le indagini e le confessioni, la polizia non è riuscita a collegare Metheny a tutte le vittime che lui stesso si è ventato di aver ucciso. Oltre all’omicidio di due donne, avrebbe ammazzato anche due senzatetto con un’ascia, ma non sono state trovate prove a sostegno di queste ipotesi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.