Non sono molte le persone che possono permettersi di ordinare una bottiglia di vino da 4500 euro in un ristorante. Di certo non è una di queste la persona che ne aveva ordinata una di vino rosso da 260 sterline, Le Pin Pomerol, ma al suo tavolo se ne è vista arrivata una da 4.500 sterline. Alla fine è stato fortunato, perchè l’errore non è ricaduto sul suo conto e ha anche avuto la possibilità di gustare un vino che probabilmente mai avrebbe potuto sorseggiare in tutta la sua vita.

I proprietari del ristorante sono stati particolarmente concilianti sia con il cliente, cui ovviamente non è stato fatto pagare il vino, ne con il cameriere, almeno pubblicamente. L’equivoco si è verificato nel ristorante Hawksmoor di Manchester, che ha rivelato la vicenda.

Biocarburanti competitivi da vinaccia: fino a 400 litri bioetanolo

È stato il titolare del locale ha pubblicare la vicenda sulla pagina Twitter del ristorante, rivolgendosi al cliente fortunato: “Al nostro cliente che l’altra notte ha ricevuto per errore uno Chateau Le Pin Pomerol 2001, del valore di 4.500 sterline diciamo: speriamo tanto che tu abbia gradito la serata”. Il dubbio adesso è se il cliente sia stato informato della vicenda al momento, o se la cosa sia emersa dopo. Nel secondo caso, un vero peccato perchè non saprà mai di aver bevuto u vino così buono. L’errore, probabilmente è dovuto alla confusione del nome scritto sulle etichette.

Come detto, almeno pubblicamente, nessuna punizione per il cameriere disattento, che ha servito la bottiglia di vino sbagliata. Dal titolare del locale, infatti, sono arrivate parole di comprensione e di incoraggiamento: “Al membro dello staff che l’ha accidentalmente dato via, su! Gli errori una volta ogni tanto possono capitare e noi ti vogliamo bene comunque”. La frase, pubblicata sui social, è stata fatta seguire da una faccina che strizza l’occhio. Almeno il ristorante ne ha approfittato per farsi pubblicità, e chissà che adesso i clienti non aumentino, con tutti alla ricerca di quel cameriere nella speranza di essere vittima anch’essi di un errore così “gustoso”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.