A prescindere dalla conferma di Allegri sulla panchina bianconera, i tifosi della Juventus devono prepararsi a un doloroso addio per la prossima stagione. Paulo Dybala ha visto progressivamente scendere le sue quotazioni nell’ambiente bianconero, e di pari passo sono calate le sue prestazioni. L’avergli affidato la maglia numero 10, due anni fa, è stata un’investitura che nel breve periodo ha dato risultati, ma che poi si è rivelata un’arma a doppio taglio con il giocatore che è sembrato pagare l’eccessivo carico di responsabilità sulle sue spalle.

L’arrivo di Cristiano Ronaldo, poi, ha fatto il resto. Dybala è diventato di fatto una riserva, e non sembra un giocatore in grado di dare il meglio quando entra a partita in corso o quando viene impiegato saltuariamente. Questo potrebbe portare la prossima estate a una separazione tra il club e un giocatore che sembrava poter davvero segnare una pagina di storia bianconera. Così non è stato, o comunque lo è stato a tratti.

 

Gli estimatori di Dybala non mancano, e dunque per la Juventus ha senso monetizzare adesso che il giocatore è ancora giovane e ha mercato. Una possibile destinazione potrebbe essere Madrid, sponda Atletico, dove si è liberato un posto in seguito all’addio di Griezmann. A Madrid Dybala troverebbe una maglia da titolare, un campionato che si adatta alle sue caratteristiche e un allenatore argentino come lui che punterebbe ad occhi chiusi sul suo talento.

A confermare la volontà del giocatore ci ha pensato il fratello di Dybala nel programma “Futbolemico” di Radio Impacto Córdoba: “Ci sono molte possibilità che Paulo se ne vada, ha bisogno di cambiare – ha detto –. Era molto a suo agio in Italia e ora non lo è più, come molti altri giocatori della Juve… Non è l’unico che se ne andrà”. Il motivo di questo lungo passo indietro è noto e Gustavo Dybala ha affondato pure su questo: “Fuori dal campo nessun problema con Cristiano. I problemi sono in campo: non si può niente con lui e Paulo è giovane…”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.