Un bel modo di rafforzare la sua posizione in vista del referendum: la visita del presidente del Consiglio Matteo Renzi negli Usa e soprattutto le parole di Obama nei suoi confronti potrebbero spostare di molto gli indecisi in vista del referendum. Obama: “Riforme coraggiose, grande e forte alleanza con l’Italia”. Renzi alla cena di Stato, lo State dinner, l’ultimo da presidente per Barack Obama, ha avuto modo di ricevere parole di sostegno e stima da uno degli uomini più influenti e credibili del mondo, anche ora che sta per lasciare la presidenza degli Usa.

Renzi, la consorte e le eccellenze italiane hanno ricevuto il massimo omaggio dall’amministrazione americana. Il presidente del Consiglio è stato ricevuto alla Casa Bianca, dove ha avuto modi di parlare con il presidente Obama nello Studio Ovale del futuro dell’Europa e della crisi dei rifugiati. Come detto, in vista del Referendum, ora Renzi ha un alleato in più, almeno dal punto di vista morale.

Un alleato però importante, perchè scommettiamo che molti indecisi da oggi lo saranno un po’ meno dopo aver sentito dire da Obama che le sue riforme sono giuste e importanti. Renzi dal quasi ex presidente degli Stati Uniti ottenuto parole di approvazione per la sua leadership e per le riforme sia economiche che politiche. Il Presidente americano Barack Obama ha difeso le riforme “giuste” del governo Renzi. Pur sottolineando di non voler interferire con il referendum che si terrà in Italia, “paese tra i più grandi e forti alleati degli Stati Uniti”, ha indirettamente espresso il suo favore per il ‘sì’.

“Siamo d’accordo sul fatto che bisogna concentrarsi sulla crescita per la prosperità delle persone: Matteo sta facendo le riforme in Italia, a volte incontra resistenze e inerzie ma l’economia ha mostrato segni di crescita, anche se ha ancora tanta strada da fare”, ha detto Obama, sottolineando che “ci sarà un referendum per ammodernare le istituzioni italiane” che può “aiutare l’italia verso un’economia più vibrante”. Obama ha concluso: “tifo per Matteo perché abbia successo e credo debba restare in politica qualunque sia il risultato del referendum”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.