Non tocca solo alle grandi città del nord mettere un freno alla circolazione per ripristinare i livelli di inquinamento nel’aria sotto una soglia di controllo: lo smog vessa anche Napoli complice la latitanza della pioggia, e allora il Comune s vede costretto a varare un’ordinanza che estende un dispositivo già in vigore. Nuovi limiti alla circolazione delle auto: la decisione riguarda il periodo dall’1 al 6 febbraio durante il quale non si potrà circolare dalle 9.30 alle 12.30 e dalle 14.30 alle 19.30.

Si tratta di una ordinanza che estende le fasce orarie di limitazione del traffico e la spalma anche sulle giornate del martedì, giovedì e sabato.

Come sempre sono previste alcune deroghe per determinate categorie di veicoli. L’ordinanza prevede infatti che avranno diritto a circolare le auto Euro 4, i taxi, i mezzi di trasporto pubblici e quelli delle forze dell’ordine e di soccorso, i veicoli elettrici e a Gpl, i mezzi che trasportano disabili, i veicoli di proprietà e con a bordo persone non residenti in Campania.

Se la situazione non migliorerà è probabile che questo inasprimento del dispositivo si estenda ancora. Al momento i livelli di PM10 nell’aria sono stati superati in almeno due centraline dal giorno 19 gennaio per cui l’intervento è stato inevitabile. In più le condizioni climatiche non aiutano considerato che non piove e dunque l’aria stenta a ripulirsi in maniera naturale.

A Napoli c’erano state polemiche già a gennaio per lo stop alle auto: “Lo stop alle auto che inizia oggi, in coincidenza con l’avvio della stagione dei saldi a Napoli, è un provvedimento inutile dal punto di vista della tutela ambientale e dannoso per i commercianti, il cui settore è già in crisi da tempo”. Attacca Gianni Lettieri, imprenditore e candidato sindaco a Napoli.

“Come ha giustamente sottolineato anche il ministro per l’Ambiente, Galletti, bloccare semplicemente la circolazione della auto nelle città non è che un palliativo. A Napoli le vere bombe ecologiche sono principalmente i vecchissimi autobus in giro e la mancata elettrificazione del porto. Da questo punto di vista in quattro anni e mezzo l’amministrazione non ha fatto nulla ed ha una responsabilità precisa e grave. Più che un provvedimento blocca traffico questo è un provvedimento blocca commercio. Come si può pensare di limitare la circolazione nella settimana di avvio dei saldi?”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.