Il regalo ideale per il Natale 2015 è tecnologico. Dagli adolescenti ai nonni, uomini e donne, tutti gradiscono un dono hi-tech sotto l’albero. Se prima le donne potevano essere facilmente accontentate con borse e gioielli, adesso bisogna farsi un giro nei negozi di tecnologia dove c’è l’ultimo Apple Watch o lo smartphone più alla moda-

Ma la tecnologia è anche altra rispetto a quella che un po’ tutti conoscono e che metteranno sotto l’albero: c’è anche la realtà virtuale, con i primi visori che non possono mancare nella letterina a Babbo Natale dei più esigenti.

Un prodotto che ha già fatto registrare un boom di vendite negli Usa, e che Samsung ha deciso di proporre nel periodo prenatalizio per il lancio in altri mercati. Preparatevi dunque a regalare o a farvi regalare il visore Gear VR che funziona in bundle con il Galaxy S6 edge+. Non costa poi tantissimo, 130 euro circa e diventa dunque il must di questo Natale per fare un primo passo verso un mondo immaginato da film, libri e fantascienza in generale già molti anni fa e diciamocelo un po’ in ritardo sulla tabella di marcia.

Per chi vuole spendere poco, intorno ai 20 dollari, ci sono i Cardboard, i visori di cartone progettati da Google e compatibili con diversi smartphone, già diffusi negli Stati Uniti dove li stanno sperimentando realtà editoriali come il New York Times.

Accedere alla realtà virtuale vuol dire muoversi in anticipo, considerato che gli analisti sono convinti che si tratta di un mercato che fra 5 anni avrà un valore di 70 miliardi di dollari (stime TrendForce). Ma c’è da giurare che anche l’Apple Watch con il modello base che supera i 400 euro sarà gettonatissimo.

I dati Idc per il terzo trimestre dell’anno indicano consegne praticamente triplicate in un anno.

La scelta è comunque ampia: Samsung propone il Gear S2 (modello base sui 350 euro), gli ultimi due modelli di Pebble, Time Round e Time Steel (prezzo intorno ai 250 dollari) che si abbinano anche agli iPhone.

E poi il regalo per gli sportivi tecnologici, il Fitbit (dai 60 ai 250 euro circa) a Jawbone (a partire dai 70 euro).

Secondo le previsioni del Politecnico di Milano la spesa per a tecnologia sfiorerà i 3 miliardi e mezzo di euro, soprattutto in smartphone. Ci sono modelli per tutti i portafogli, dai telefoni intorno ai 200 euro come il Moto G di Motorola o il Microsoft Lumia 640. Oppure il selfie stick con funzioni avanzate da 20 euro come il Looq DG. I più fissati possono invece puntare sul Parrot BeBop 2, drone da oltre 500 euro che manda in streaming ciò che riprende in tempo reale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.