Anche l’Isis subisce minacce tramite video, e nello specifico da parte di ‘OpParis’, l’account Twitter degli ‘hacktivisti’ di Anonymous. Il gruppo già all’indomani dei tragici attentati di Parigi aveva annunciato la volontà di scendere in campo contro il terrorismo mettendo al servizio dell’umanità le proprie conoscenze tecnologiche in modo da scovare i fanatici islamici. E infatti Anonymous si è reso già responsabile di una serie di attacchi informatici contro profili ritenuti legati allo Stato Islamico. Ora il nuovo attacco: “Isis: stiamo arrivando sempre più vicino ai tuoi padroni”.

“Dopo il brutale attacco terroristico che ha colpito Parigi – spiega un portavoce del collettivo di ‘hacktivisti’ in una sorta di telegiornale, messinscena ormai abituale – OpParis è nata per oscurare in rete quel cancro che i governi diffidano dal voler estirpare per l’evidente movimento di denaro che gira attorno all’Isis”. “Anonymous – spiega il portavoce con il volto coperto con la tradizionale maschera di Guy Fawkes, resa celebre dal film V Per Vendetta – non si ferma davanti agli attacchi informatici in risposta ai nostri 12mila profili jihadisti oscurati negli ultimi 15 giorni: ci hanno insultati, ci hanno minacciati di morte. Ma Anonymous è una legione solida che agisce in tutto il mondo per il bene dei propri fratelli offesi nei loro diritti umani, calpestati da vigliacchi criminali. Sappiamo che ci temete, sappiamo che vi nascondete come topi in trappola: ricordate – conclude il video – che OpParis non si fermerà”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.