Compie 116 anni la nonnina di Verbania, ma non perde la voglia di cantare. Un vero e proprio inno alla gioia di vivere. L’ultracentenaria riceve per l’occasione anche i prestigiosi auguri del presidente Mattarella, e lei si vanta: “Ho una bella voce. Se volete vi canto ‘Parlami d’amore Mariù, la mia canzone preferita”.

Emma Morano, ultracentenaria di Verbania che compie 116 anni, è ancora lucida e mantiene il suo piacere di essere al mondo, lei che il mondo lo ha visto davvero cambiare con i suoi occhi. Forse quello di oggi lo capisce poco, tra internet, smartphone e attentati, ma se lo vuole gustare fino in fondo come un dono prezioso: “Sto bene, sto bene e finché va così me ne resto qui con voi”.

La sua meta straordinaria è stata festeggiata anche con gli auguri del Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella. Invece Papa Francesco le ha impartito una benedizione e le ha inviato il ‘testimonium del pellegrino’. Probabilmente il regalo più bello che abbia mai ricevuto a un compleanno, lo ha avuto proprio a 116 anni, per la serie che la vita non si sa mai cosa ci riserva: è una placchetta raffigurante i santi Pietro e Paolo svelata per la prima volta dagli archivi della Biblioteca Apostolica Vaticana.

La parata di autorità che hanno voluta festeggiarla continua con il sindaco di Verbania, Silvia Marchionni, che è andata a trovarla per farle gli auguri. Ma non solo l’Italia festeggia la sua connazionale più longeva: anche dal Giappone una delegazione le ha portato dei biscotti e i saluti di Nabi Tajima, più giovane di lei di un anno.

Emma ha visto con i suoi occhi tre secoli: è nata a Civiasco, nel vercellese, il 29 novembre 1899. Ora ha bisogno di una badante ma si gode i tanti nipotini. Una famiglia longeva la sua, con cinque sorelle tutte vissute oltre i 90 anni, e di tre fratelli. Sua madre visse 91 anni, una zia toccò i 101. Adesso i loro geni saranno studiati dagli specialisti della Harvard Medical School di Boston, che due anni fa hanno ricevuto un campione del suo Dna. Ma a lei di microscopi e laboratori non interessa, il segreto è che “Mangia poco e non si fa mancare nulla, neppure le sue tre uova crude al giorno”. Alla faccia delle regole, spesso il nostro futuro è già scritto dentro di noi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.