Che la carne faccia male si è sempre sostenuto, ma adesso contro preparati appartenenti al cosiddetto junk food come bacon, hamburger e salsicce potrebbe arrivare una vera e propria crociata: addirittura l’Oms sostiene che potrebbero causare il cancro al pari delle sigarette. L’allarme arriva direttamente dall’Organizzazione mondiale della Sanità che prende di petto la situazione e decide di inserire i prodotti confezionati di carne rossa nella lista ufficiale delle sostanze cancerogene: insomma mangiare questo tipo di prodotti è assimilabile fumare, assumere arsenico, alcol e amianto.

Ma questo non esclude la carne rossa fresca, che verrà inserita nella “enciclopedia dei cancerogeni” ed etichettata come “lievemente meno pericolosa” rispetto ai lavorati industriali. L’anticipazione è del Daily Mail britannico una “fonte interna ben posizionata”.

Va detto che non si tratta di comunicazioni ufficiali, considerato che l’Oms non ha aggiornato le proprie linee guida. Comunicazioni che sono comunque in arrivo per lunedì. Se l’Oms fa un passo simile, evidentemente in possesso di dati convincenti, che costerebbero molto alle catene di fast food e all’industria della carne, che potrebbe portare a nuove regole ed etichette alimentari.

E’ stata incaricata della classificazione è l’Agency for Research on Cancer dell’Oms, che ha approfondito la questione dopo le preoccupazioni crescenti che la carne fosse all’origine del cancro all’intestino, il secondo tipo di tumore per frequenza nel Regno Unito.

Ma cosa fa così male? Dipende tutto dal fatto che la carne contiene grandi quantità di grasso, e il composto che la rende rossa potrebbe danneggiare lo strato interno dell’intestino. A peggiorare la situazione i trattamenti di preparazione e conservazione industriali, come salatura e aggiunta di conservanti chimici, potenzialmente cancerogeni. Secondo le stime del governo inglese per evitare di ammalarsi di tumore all’intestino basterebbe seguire uno stile di vita più sano, che prevede un consumo non eccessivo di carne rossa.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.