Scatta l’allarme pertosse, infezione che secondo le stime ogni anno ucciderebbe qualcosa come 300mila bambini. Lo rivela una indagine di Waidid secondo cui i casi annui si attestano tra i 20 e i 50 milioni. Una malattia che si manifesta soprattutto nei Paesi europei, con un caso ogni 100mila. Insomma le malattie sottovalutate fanno molte vittime, e la notizia della pericolosità della pertosse arriva in seguito alla campagna di sensibilizzazione pensata dal ministero della Salute per il drastico calo delle vaccinazioni in Italia.

Waidid, Associazione mondiale per le malattie infettive e i disordini immunologici, mette in guardia. Sarebbero addirittura tra i 20 e i 50 milioni i casi di pertosse che annualmente si registrano nel mondo, che porterebbero a circa 300mila decessi tra neonati e bambini.

Gli esperti sottolineano la necessità di interventi mirati altrimenti, “il trend sarà destinato ad aumentare”. Il tutto perché “i genitori tendono a vaccinare meno i figli ma anche a non sottoporli ai successivi richiami previsti”, spiega Susanna Esposito, presidente di Waidid.

Ma cosa succede nel nostro Paese? In Italia i neonati dovrebbero essere vaccinati contro la pertosse già dal terzo mese di vita, “ma per proteggere davvero i bimbi così piccoli è fondamentale che vengano effettuati i richiami nel primo anno di vita e anche da adolescenti”. La vaccinazione e anche l’infezione naturale, infatti, “non conferiscono un’immunità permanente e per restare protetti sono necessari richiami ogni 5-10 anni”.

Purtroppo però si sottovaluta problema e rischio: “In Italia, la copertura vaccinale contro la pertosse appare discreta nel primo anno di vita ma tra gli adolescenti è decisamente modesta”, sottolinea la Esposito. Tuttavia, “se negli adolescenti non è una malattia pericolosa, il rischio è ben più alto tra i neonati.

Serve aumentare l'”immunità di gregge”, e quindi i genitori dovrebbero “non abbassare la guardia quando i figli crescono”. In Italia il vaccino viene somministrato nel primo anno di vita, a 5 anni e a 11.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.