Al Maker Faire Rome 2015 il Premio The Big Hack va a un gruppo di ragazzi teramani, ideatori di un progetto rivolto all’implemento della sicurezza sul lavoro. Il premio The Big Hack inaugura l’event romano dove ingegno e creatività si mettono al servizio del futuro e in questo caso della sicurezza.

Tre ragazzi di Teramo hanno presentato il progetto denominato Safe Back-Ritorno al sicuro: si tratta di una serie di sensori connessi in rete attraverso i quali si possono avvertire i lavoratori in caso di pericolo mediante una tecnologia indossabile che sfrutta sensori di movimento per individuare minacce incombenti. Si pensi ad esempio a quello che può accadere in un cantiere, ma le applicazioni sono innumerevoli.

I tre giovani hanno raccontato di aver impiegato solo poche ore per realizzare il loro progetto, poi si sono dovuti concentrare sull’analisi delle casistiche relative agli incidenti riportati dai lavoratori e alle loro possibili cause.

Il progetto è risultato primo classificato tra 160 partecipanti. Il progetto Safe Back ha avuto la meglio si altre innovazioni rivolte alla Green Economy e altre soluzioni rivolte a migliorare il livello della mobilità urbana e a favorire l’efficienza di trasporti pubblici e privati.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.