Devi ritirare tutte le accuse, e ci devi anche del denaro. Quattro 4 persone, tre uomini ed una donna appartenenti allo stesso nucleo familiare, sono state arrestate da personale del Commissariato di polizia di Lamezia Terme in collaborazione con la Squadra mobile di Catanzaro. Uno di loro è accusato di avere venduto la droga e tutti, a vario titolo, di estorsione e induzione a rendere dichiarazioni false. L’operazione è stata denominata “Affari di famiglia”.

I quattro avrebbero costretto un minore a ritrattare le accuse contro uno spacciatore e a consegnare loro del denaro. La Polizia di Lamezia Terme, in collaborazione con la Squadra Mobile di Catanzaro, sta eseguendo un’ordinanza di custodia cautelare in carcere a carico di quattro persone, Cristian Greco di 27 anni, la moglie Melania Bonaddio di 29 anni, il fratello Giovannino Greco di 32 anni e il cugino Francesco Greco.

Secondo lametino.it “Il 23 giugno è stata eseguita un’ordinanza di custodia cautelare in carcere a carico di Cristian Greco, indagato per la cessione di canapa indiana per il valore di 1.000 euro ad un minore e successivamente per averlo minacciato ed aggredito per non aver completamente saldato in tempo il debito. I suoi parenti, per come risultato dall’attività investigativa, per occultare i delitti del congiunto, avevano il giorno stesso dell’arresto, contattato telefonicamente il minore, l’avevano incontrato, minacciato e costretto a ritrattare la propria versione davanti ad un investigatore privato e al Pubblico Ministero, obbligando a riferire anche davanti il Pm che il debito di 1000 euro era relativo all’acquisto di un motorino. In più l’avevano obbligato a versare loro 800 euro per il pagamento di un investigatore privato ingaggiato dalla difesa di Cristian Greco per svolgere investigazioni difensive”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.