Ancora un episodio legato alla facile reperibilità delle armi in Usa, che convincerà ancora di più Obama della necessità di cambiare le leggi in merito negli Stati Uniti. Un ragazzino di 11 anni ha sparato e ucciso la vicina di casa, una bambina di soli 8 anni. La tragedia è accaduta a White Pine, piccola cittadina nell’est del Tennessee.

Secondo quanto emerso dalle indagini e dalle prime ricostruzioni degli inquirenti, il ragazzino ha preso la pistola del padre, l’ha puntata verso la vittima dalla finestra della sua casa e ha fatto fuoco. Ha colpito in pieno la bambina che si è accasciata al suolo. Subito soccorsa dalla madre, è stata trasportata in ospedale con una folle corsa, ma per lei non c’è stato nulla da fare.

Il ragazzino è stato arrestato con l’accusa di omicidio di primo grado. Comparirà in aula domani. Il presidente degli Stati Uniti Obama, intervenuto con un messaggio alla Nazione dopo la strage di studenti in Oregon di qualche giorno fa aveva detto: “Chiedo agli americani di pensare a come cambiare la legge sulla vendita delle armi”. Dopo questo ennesimo episodio la sua battaglia contro le armi facili, si spera, subirà una ulteriore accelerata.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.