La birra è una bevanda che generalmente piace più ai maschietti, ma da oggi le donne hanno un motivo in più per consumarla abitualmente: se bevuta con moderazione la bevanda al luppolo infatti può proteggere le donne dal rischio di infarto. La dose consigliata è di un paio di birre a settimana: consente di abbassare del 30 per cento il rischio di un attacco di cuore, rispetto alle forti bevitrici e a quelle che non la bevono per nulla.

Lo sostiene una ricerca svedese, della Sahlgrenska Academy dell’Università di Gothenburg, pubblicata sulla rivista Scandinavian Journal of Primary Health Care.

Per arrivare a queste conclusioni i ricercatori hanno condotto una ricerca durata 50 anni, e hanno analizzato i dati raccolti nei primi 32 anni, dal 1968 al 2000. Sono state analizzate 1500 donne di mezza età che hanno risposto a un questionario sulla frequenza del loro consumo di birra, vino o liquori e al loro stato di salute generale.

Ebbene 185 donne hanno avuto un infarto, 162 un ictus, 160 hanno sviluppato il diabete e 345 un cancro. Secondo gli studiosi, c’è una correlazione tra un elevato consumo di alcolici e un rischio di quasi il 50 per cento più alto di morte per cancro. Il tutto rispetto a chi beveva meno. Invece le donne che bevevano birra con moderazione, un paio di volte alla settimana al massimo, correvano un rischio del 30 per cento più basso di infarto rispetto a quelle che bevevano birra spesso o non la bevevano affatto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.