Il Frecciarossa, treno veloce che dal 20 settembre collega Milano con Bari, escluderà Lecce, Brindisi e Taranto. “Il turismo ci premia ma siamo isolati” dicono i comuni danneggiati e l’ad Elia rimanda l’incontro: “Riferirò in parlamento”. Insomma l’estate è appena finita ma il clima è rovente. I presidente dell’Anci, Luigi Perrone. «Evitare l’incontro con il governatore e con i sindaci significa rifiutare il confronto con le comunità pugliesi».

Il coordinatore regionale pugliese di Forza Italia, Luigi Vitali: “Il tempo della demagogia è finito: sul caso Frecciarossa, non possiamo accettare posizioni meramente formali di contrasto e di difesa delle ragioni del territorio. Dai parlamentari pugliesi di maggioranza ad Emiliano, abbiamo bisogno di atti sostanziali per evitare un’umiliazione senza precedenti per il Salento. L’opposizione, in quest’ottica, non farà mancare il suo contributo”.

L’eurodeputato Raffaele Fitto parla di “situazione poco comprensibile in relazione a una società pubblica, il cui amministratore è nominato dal governo”, e proposto l’invio del documento alla Presidenza del consiglio “con tanto di richiesta di incontro, per portare la vicenda sul tavolo nazionale”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.