Buone notizie per i fan degli One Direction, perchè è in arrivo il loro nuovo album. Ancora qualche settimana di attesa e poi finalmente il 13 novembre esce “Made In The A.M.”. Nel frattempo l’entourage della band ha provveduto a rivelare data di uscita e cover del nuovo lavoro della band. Per i fan qualcosa era già stato svelato, considerato che l’album è stato anticipato dal singolo di successo “Drag Me Down”.

Proprio per promuovere il loro ultimo lavoro, gli One Direction hanno aperto a Londra la tranche britannica del loro tour. C’è molta attesa e curiosità per questo album, considerato che è a suo modo storico per la band essendo il primo da quando c’è stata l’uscita di Zayn Malik dal gruppo.

Promette bene questo album considerato che arriva dopo il grande successo del primo singolo “Drag Me Down”, che ha conquistato il primo posto in ben 90 classifiche iTunes e che ha battuto nel mondo i record di streaming.

Per promuoverlo la band si è esibita all’Apple Music Festival, aprendo la tranche britannica del proprio tour.

Il contatto diretto tra la band e i suoi fan è continuo, e infatti la notizia resa nota con un video messaggio che il preordine dell’album è partito già martedì ha fatto il botto. Se preferite preordinare l’album su iTunes, ci sarà subito a disposizione il brano “Infinity”, come instant gratification track. E molti sono convinti che il brano sia dedicato proprio all’amico Malik uscito dalla band e che contenga qualche riferimento non proprio benevolo. Secondo Meltyfan.it

“La strofa incriminata è quella in cui Harry Styles recita: “Quante notti hai sperato che qualcuno restasse? Rimanendo sveglio sperando solo che stesse bene”, anche queste parole potrebbero essere riferite a Zayn Malik, visto che, come hanno confessato spesso, i ragazzi hanno cercato sino all’ultimo di convincerlo a rimanere. In particolare proprio Harry Styles avrebbe parlato spesso con l’amico per chiedergli di restare con la band, rimanendo poi profondamente deluso di fronte alla sua decisione”.

La canzone, scritta da John Ryan, Jamie Scott e Julian Bunetta, il team che ha firmato anche la hit mondiale “Story Of My Life”, potrebbe essere ricordata come un punto di svolta nel sound della band, intenzionata a piacere non solo ai ragazzini ma a un pubblico più vasto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.