Presto su Facebook potrebbe apparire il tanto atteso tasto “non mi piace”. Zuckerberg ci sta rimuginando da parecchio su questa possibilità, e non è la prima volta che la prende in considerazione. Adesso però sembra la volta buona e a breve potrebbe arrivare questa nuova possibilità di esprimere in maniera veloce il proprio disappunto.

Facebook ascolta molto le opinioni degli utenti, e va detto che questo tipo di tasto è stato richiesto molte volte. Al momento gli utenti hanno solo due modi per esprimere il proprio parere relativamente a un contenuto che trovano sulla propria bacheca: il “mi piace” o la condivisione. Entrambi meccanismi positivi, perchè se un qualcosa non piace, si può soltanto manifestare il proprio disappunto ignorando, o magari condividendo e accompagnando da un commento negativo.

Proprio questo Zuckerberg ha sempre voluto evitare, che il tasto “non mi piace” fosse un modo per criticare, in maniera anche gratuita e sistematica i post. Insomma non vuole che ci sia la possibilità di giudicare negativamente il pensiero di qualcun altro con un semplice clic. Se proprio bisogna farlo, bisogna argomentare con un commento come accade adesso. «Qualcuno – aveva detto Zuck – ha chiesto di potere avere un tasto “Non mi piace” perché vuole avere la possibilità di dire “Questa cosa non va bene”. Pensiamo che una simile soluzione non sia buona per nessuno, quindi non introdurremo un tasto “Non mi piace”. Non penso che ci debba essere un meccanismo di voto per stabilire se un determinato post sia valido o scadente». E allora come si concilia questa filosofia con il fatto che arriverà il tasto “non mi piace”? Semplice, sarà un tasto non disponibile su tutti i post ma solo su alcuni, come ad esempio sulle notizie di incidenti o relativamente a un lutto. Insomma il “non mi piace” non sarà u modo per criticare un pensiero, ma per esprimere solidarietà a un evento chiaramente negativo. per evitare, insomma, che come accade adesso si metta “mi piace” alla notizia della morte di qualcuno, non perchè piace la cosa, ma perchè è l’unico modo di esprimere solidarietà. Con il nuovo tasto il tutto sarà più coerente.

Il numero uno di Facebook spiega: «Sono anni che i nostri utenti ci chiedono il tasto “non mi piace”. Ora abbiamo deciso di seguire il loro suggerimento, e stiamo lavorando per fornire qualcosa che possa soddisfare le nostra comunità».

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.