Sono passati 14 anni dall’attentato alle Torri Gemelle ma il mondo non ha ancora la minima intenzione di dimenticarsi di uno dei giorni più tragici della storia moderna. Oggi è l’anniversario della caduta delle Torri a New York, e Barack Obama ha indetto tre giorni di preghiera in ricordo delle vittime degli attentati terroristici dell’11 settembre.

“Io, Barack Obama, presidente degli Stati Uniti, in virtù dell’autorità conferitami dalla Costituzione e dalle leggi degli Stati Uniti, proclamo da venerdì 11 a domenica 13 settembre giornate nazionali di preghiera e commemorazione nazionale”, ha dichiarato il presidente Usa in un comunicato. Dopo questi attacchi le Torri Gemelle crolleranno a terra, sbriciolandosi. Moriranno migliaia di persone.

E’ l’inizio dell’attacco agli Stati Uniti degli uomini di Al Qaeda. Un episodio che condizionerà la storia del mondo per anni ed anni.”Invito gli americani a onorare e ricordare le vittime dell’11 settembre 2001 e i loro cari attraverso la preghiera, la contemplazione, i rintocchi delle campane, le fiaccolate e altri attività di questo genere”, ha aggiunto, sottolineando che tutto il mondo è invitato a partecipare alla commemorazione. “Quattordici anni fa, la pace si ruppe una bella mattina. Gli eventi dell’11 settembre del 2001 hanno lasciato un segno indelebile nella mente di tutti gli americani, e la nostra nazione è cambiata per sempre. Quasi 3.000 vite preziose sono andate perdute, e i loro cari hanno dovuto affrontare un dolore inimmaginabile”, ha affermato ancora Obama. Altri aerei dirottati dai terroristi si schianteranno a Washington, più precisamente al pentagono. L’ultimo aereo, il quarto, diventa a suo modo famoso. Si tratta del volo United 93. I passeggeri segnalano il dirottamento del loro volo ed, informati dai parenti su quanto accaduto a New York si ribellano ai terroristi. L’aereo si schianta nelle campagne del Pennsilvanya. Lo United 93 doveva schiantarsi contro la Casa Bianca.

Oggi ci saranno celebrazioni in tutti gli Stati Uniti. A New York è prevista una giornata di ricordo a Ground Zero e al National September 11 Memorial museum. Il cielo di Manhattan splende con l’installazione luminosa con 88 fari che resterà accesa fino all’alba di sabato 12. Obama andrà a Fort Meade. Obama incontrerà i militari nella base nel Maryland e assieme alla first lady Michelle e al suo staff, osserverà un minuto di silenzio nel giardino della Casa Bianca per ricordare le oltre tremila vittime degli attacchi alle Torri gemelle a New York e al Pentagono a Washington. Il 9/11 Memorial sarà aperto al pubblico fino a mezzanotte. Dalla cerimonia al Jackie Robinson Park of Fame a Stamford, nel Connecticut, a quella che si terrà al Curlew Hills Memory Gardens di Palm Harbor, in Florida, diverse città americane ricorderanno le vittime degli attentati di 14 anni fa.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.