Da sempre il pianeta Marte è associato agli extraterrestri, basti pensare al termine “marziani” sinonimo fino a poco tempo fa di alieno. E allora nonostante sia ormai certo che su Marte on c’è vita, continuano le segnalazioni di oggetti strani sula superficie del Pianeta rosso che, negli occhi di chi guarda e spera, dimostrerebbero tracce di una civiltà ormai scomparsa. Dopo il viso umano e la statua della Madonna, ecco che spunta, secondo gli appassionati di vicende extraterrestri. un cucchiaio fluttuante. Tutto merito di una fotocamera di Curiosity che il 30 agosto ha fotografato una zona del pianeta rosso sulla quale effettivamente si nota qualcosa di simile. Inutile sottolineare che il tutto è diventato in poco tempo virale sulla rete, soprattutto sui siti specializzati.

Anche questa volta però chi spera in qualche prova di una civiltà scomparsa resterà deluso, perchè second gli esperti si tratterebbe soltanto di un ennesimo caso di Pareidolia, cioè la caratteristica della mente umana di associare forme sconosciute a oggetti ben più vicini alla nostra realtà. Un po’ quello che avviene quando vediamo animali formarsi tra le nuvole o visi umani da macchie su un muro.

La superficie di Marte è sferzata da venti fortissimi, tornado e vortici di sabbia o tempeste, oltre che da una bassissima gravità, cosa che agevola la formazione delle più strane e impensabili forme e strutture. Anche perchè passi per la piramide, passi per il volto umano, ma la necessità da parte di una civiltà aliena antica di costruire nella pietra un cucchiaio gigante fluttuante proprio non la riusciamo a capire…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.