Non sarà Goetze o Draxler, ma Hernanes ha tutte le carte in regola per diventare un punto di forza della Juventus di Allegri. Con i dovuti paragoni, qualcuno accosta questo colpo last minute di Marotta a quello di Pirlo. Il profeta ha tutte le intenzioni di togliersi un bel po’ di soddisfazioni in bianconero, e la sensazione di essere titolare nelle intenzioni del tecnico bianconero è già tanto, considerato che all’Inter, arrivato per volere di Mazzarri, aveva perso sempre più posizioni dopo l’arrivo di Mancini, che al trequartista preferisce gli esterni offensivi (ne sa qualcosa Kovacic).

Hernanes può regalare alla Juventus corsa, dinamicità, gioco lungo e gioco corto, piedi buoni e tanti gol, su azione e calcio piazzato. Insomma in un colpo solo la Juve sostituisce Pirlo, Vidal e Tevez. Ovviamente non nel valore ma nelle caratteristiche. Perchè Hernanes ha un po’ di ognuno di loro e ha caratteristiche che nessuno ha nella rosa bianconera. E sopratutto ha una gran voglia di affermarsi, perchè nonostante il talento, a 30 ancora non ha convinto tutti.

“Le mie motivazioni sono al massimo per vivere al meglio questa nuova esperienza. E sono felice di trovare grandi persone e grandi professionisti, per rappresentare una delle società più importanti d’Italia e del mondo”. Hernanes è il ritratto della felicità. Se quando andò via dalla Lazio lo fece piangendo, adesso sono tutti sorrisi, ma anche belle parole per l’Inter: “un grande club che mi ha dato l’opportunità di vivere un’esperienza ricca e affascinante”. Poi un saluto ai nuovi tifosi: “Ringrazio i tifosi per l’accoglienza, ho grandi aspettative e spero di fare cose importanti con questa maglia. Della Juve mi hanno sempre attratto la sua grandezza e la capacità di continuare a vincere anno dopo anno; voglio essere una colonna portante per i futuri successi”.

Sulla nuova avventura: “Conosco bene Neto, Alex Sandro e Rubinho, con loro il mio inserimento qui sarà più semplice. Ho tanta esperienza, da un po’ di tempo mi vedo trequartista e mi aspetto di giocare in quel ruolo: è la posizione più adatta alle mie caratteristiche e mi permette di giocare vicino alla porta”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.