L’Unione europea avverte la Gran Bretagna: la libera circolazione resta ed è parte integrante del mercato unico., nonostante la direzione presa a riguardo della permanenza sul suolo britannico riservata a chi lavora. L’Ue parla chiaro: “La libera circolazione dei cittadini europei è parte integrante del mercato unico e un elemento centrale del suo successo”. Questa la presa di posizione, riportata da una portavoce, della Commissione Ue a Londra.

La comunicazione arriva in seguito e in risposta alle dichiarazioni del ministro britannico Theresa May, che aveva parlato di una riforma della libera circolazione per autorizzare la permanenza solo agli europei che lavorano in Gran Bretagna escludendo i disoccupati.

MA poi arriva anche la precisazione: Questo però “non è un diritto incondizionato e non consente il ‘turismo dei benefit'” già ora. La libera circolazione “stimola la crescita economica permettendo alle persone di viaggiare, fare acquisti e lavorare al di là delle frontiere e permettendo alle società di selezionare il personale da un più ampio bacino di talenti”, ha sottolineato la portavoce dell’esecutivo comunitario. I lavoratori europei “hanno beneficiato di questo diritto sin dal Trattato di Roma del 1957”.

Le regole già attualmente in vigore contengono “una serie di salvaguardie che permettono agli Stati membri di prevenire gli abusi”, ha precisato ancora la portavoce, ricordando che “come lo stesso ministro May ha dichiarato, maggiori sforzi per combattere gli abusi non minano né mineranno il principio stesso”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.