Non tarda ad arrivare la risposta del Codacons all’annuncio di Renzi di voler eliminare Tasi e Imu per tutti il prossimo anno. Il Codacons ricorda al presidente del consiglio che Tasi e Imu sono aumentate del 177% in 3 anni. L’associazione dei consumatori sottolinea l’aumento negli ultimi anni delle imposte relative agli immobile, in particolare punta il dito sul combinato Imu e Tasi. Lo spunto lo ha dato proprio il premier Matteo Renzi, che ha promesso la cancellazione delle due tasse per tutti a partire dall’anno prossimo.

Il Codacons va giù duro e sottolinea come le tasse sulla casa a carico dei proprietari di immobili in Italia sono aumentate del 177% in 3 anni. L’associazione dei consumatori attacca il premier sul combinato Tasi-Imu nominato proprio dall’ex sindaco di Firenze che ha assicurato di lavorare per l’eliminazione delle due tasse a partire dal 2016.
«Dal 2011 al 2014 – afferma il presidente dell’associazione dei consumatori quasi omonimo del presidente del consiglio, Carlo Rienzi – gli italiani hanno dovuto sborsare 16 miliardi di euro in più a titolo di tasse sulle abitazioni di proprietà».

Il conto è impietoso: si è passati dai 9 miliardi di euro pagati nel 2011 dalle famiglie italiane ai 25 miliardi del 2014, con un aumento complessivo del 177%. «Sul banco degli imputati vi sono l’Imu e la Tasi, che hanno portato non solo ad una forte crescita della tassazione sulla casa, ma anche ad un maggior esborso a carico di chi possiede abitazioni di basso valore», conclude Rienzi.

Renzi al teatro Rossini di Pesaro aveva annunciato: «Il prossimo anno togliamo Tasi e Imu per tutti. Non è possibile continuare questo giochino». «In Italia la tassazione è esagerata». Ecco il video del suo intervento:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.