Altro capitolo della guerra tra Stati Uniti e Isis: un drone Usa avrebbe ucciso un cittadino britannico considerato il capo degli hacker di Haji Muttaza (ucciso il 18 agosto), vice di Abu Bakr al Baghdadi. Ricordiamo che qualche mese fa, a maggio, gli Stati Uniti erano riusciti invece a eliminare il suo erede, Abu Ala al Afri.

La nuova vittima del conflitto Usa-Isis è Junaid Hussain, nome d’arte di Abu Hussain al-Britani. L’uomo, prima di lasciare il Regno Unito, viveva a Birmingham. Hussain aveva 21 anni, e sarebbe stato ucciso martedì a Raqqa, roccaforte di Isis in Siria. Qui viveva da circa due anni. Secondo le notizie trapelate da fonti governative Usa ed europee, Hussain era in testa al cybercaliffato di Isis.

Si tratterebbe del gruppo hacker che all’inizio di quest’anno era riuscito nell’intento di violare l’account twitter del Pentagono. L’uomo era conosciuto da tempo nell’ambiente, e infatti nel 2012 era stato condannato a sei mesi di prigione per aver rubato la mailing list dell’ex premier britannico Tony Blair.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.